Franco Loi – L’angel

 18,00

Genova, Milano, Colorno: i luoghi, le lingue, gli amori di un poeta cantate in un poemetto composto da ventotto strofe in milanese, ventuno in genovese, due in colornese. Il plurilinguismo dialettale possiede una precisa funzione strutturale. L’alternanza dei dialetti corrisponde, oltre alla caratterizzazione dei luoghi biografici attraverso la lingua che li restituisce, all’esigenza di distinguere i momenti lirici da quelli ragionativi, il ricordo dal giudizio.

Categoria:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Franco Loi – L’angel”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *